woman touches her hair woman touches her hair

Bellezza dall'interno: 6 integratori per mantenere la pelle sana

14 Oct 2021 di Caitlin Beale, MSc, RDN

Condividi Ora

Il benessere del proprio aspetto inizia dal benessere interiore. Molte delle cause che determinano problemi di salute cronica – infiammazione e danno ossidativo – possono anche influenzare l'aspetto della pelle. Ci vuole un approccio olistico per affrontare la salute della pelle e per aiutare a ridurre l'impatto.

Se non ti senti o non hai il tuo aspetto migliore o semplicemente vuoi iniziare a prenderti cura della tua pelle, alcune semplici modifiche al tuo stile di vita potrebbero essere tutto ciò che è necessario. Assicurarsi che la dieta sia piena di cibi ricchi di fitonutrienti è un ottimo modo per iniziare. Ma un altro modo per supportare questi cambiamenti è l’introduzione d’integratori.

Questi sei supplementi possono aiutarti a sentirsi belli dentro e fuori.

1. Collagene.

Il collagene è la proteina più abbondante nel tuo corpo. Si trova ovunque, dalla pelle alle ossa e nelle articolazioni. Ci sono almeno sedici tipi di collagene nel corpo, ma quello presente nella pelle aiuta a mantenerla paffuta e soda. Con l'età, la produzione di collagene diminuisce naturalmente, portando a cambiamenti nella consistenza, nell'aspetto e nell'elasticità della pelle.[i]

L'integrazione di collagene può aiutare il benessere della pelle promovendo miglioramenti nelle rughe, nell’elasticità e nell’ idratazione.[ii] Uno studio ha scoperto che le persone che hanno assunto un integratore combinato di collagene di tipo II (insieme a condroitina e acido ialuronico) hanno ottenuto miglioramenti nelle rughe del viso e degli occhi, nell'elasticità della pelle e nel contenuto di collagene. Hanno anche notato una diminuzione della secchezza e del rossore della pelle.[iii] Miglioramenti simili nell'elasticità e nell'aspetto delle rughe degli occhi sono stati riscontrati i in diversi altri studi sul collagene.[iv],[v]

Un altro studio ha scoperto che l'integrazione con peptidi di collagene ha aiutato la pelle a sentirsi più idratata e ha determinato un aumento di collagene nella pelle. I risultati sono stati evidenti anche dodici settimane dopo la fine dello studio.[vi]

2. Acidi grassi essenziali (EFA).

Gli acidi grassi essenziali sono tipi di grassi che il tuo corpo non può produrre e quindi devi ottenerli dalla tua dieta. Hanno diverse funzioni vitali e sono anche fondamentali per mantenere una sana barriera cutanea. La ricerca suggerisce che alcuni EFA possono indurre riduzioni dell'infiammazione nel corpo che possono contribuire all'invecchiamento della pelle.[vii]

L’ Omega-3 è un acido grasso essenziale (EFA). La supplementazione di Omega-3 è stata studiata per la sua potenziale capacità di proteggere dalle radiazioni UV, dalle scottature solari e persino dal foto-invecchiamento grazie alla sua attività antinfiammatoria e alla protezione contro lo stress ossidativo.[viii],[ix]

Diversi altri studi hanno esaminato l'effetto dei grassi sani nella dieta, come i semi di lino e l'olio di pesce e hanno individuato diversi miglioramenti della pelle, tra cui una migliore idratazione, una migliore struttura e una più efficace barriera cutanea.7  L'integrazione con olio di pesce o acido linoleico (presente in molti oli vegetali) può anche supportare la riduzione delle imperfezioni cutanee.[x]

3. Vitamina C.

La vitamina C è automaticamente collegabile alla salute immunitaria, ma questo nutriente è anche vitale per la pelle. La vitamina C è un potente antiossidante che aiuta a combattere i danni dei radicali liberi. [xi] È anche un cofattore per la produzione di particolari amminoacidi necessari per la sintesi del collagene. Inoltre, può anche supportare l'espressione di geni per la sintesi del collagene. 11

La vitamina C funziona sinergicamente con altri nutrienti. Ad esempio, uno studio ha scoperto che le persone che hanno assunto una bevanda contenente vitamina C, altri antiossidanti e un integratore di olio di pesce hanno visto miglioramenti nella profondità delle rughe del viso e un aumento di nuove fibre di collagene nella pelle. La vitamina C è un cofattore essenziale nella biosintesi del collagene, un processo importante nella prevenzione dell’invecchiamento della pelle.[xii]

Un altro studio che ha esaminato l'impatto dei nutrienti dietetici sulla pelle ha scoperto che le donne che mangiavano più cibi ricchi di vitamina C avevano meno probabilità di avere rughe significative o secchezza della pelle, entrambi effetti che contribuiscono all’invecchiamento della pelle.[xiii]

4. Acido ialuronico

Come la vitamina C, l'acido ialuronico (HA) aiuta la pelle riducendo la ritenzione idrica e aumentando la produzione di collagene sano. L’acido ialuronico è spesso presente nei prodotti di bellezza come le creme, ma anche l'HA assunto per via orale può aiutare a migliorare l'aspetto della tua pelle.[xiv]

L'acido ialuronico è naturalmente presente in alcuni alimenti, ma un’integrazione di HA può fornirne una dose più concentrata. È spesso usato in combinazione con altri integratori, quindi sono necessarie ulteriori ricerche sui suoi effetti individuali.

Uno studio ha scoperto che l'HA assunto per via orale, combinato con diversi altri nutrienti, tra cui il collagene, ha migliorato i segni di danni del sole e l'idratazione dopo sei settimane rispetto alle donne del gruppo placebo.[xv] Studi simili hanno scoperto che l'HA orale ha migliorato la consistenza e l'umidità della pelle.[xvi]

5. Probiotici.

Mantenere la salute del tuo microbioma (l’insieme di batteri sani che risiedono dentro e sul tuo corpo) è importante per la tua salute generale e l'aspetto della tua pelle.
Esiste infatti una stretta relazione tra il tipo di batteri sani nell'intestino e la salute della pelle.

In particolare, i batteri che vivono nell'intestino e i metaboliti che producono possono mantenere la salute della pelle attraverso un'influenza sul sistema immunitario e sulla risposta infiammatoria. Alcune prove dimostrano che i disturbi gastrointestinali che possono alterare il microbioma possono anche portare allo sviluppo di alterazioni della pelle. [xvii] La presenza o lo squilibrio di alcuni tipi di batteri sulla pelle è anche associato ad aumento di imperfezioni e acne. 15,[xviii]

Di conseguenza, mantenere l'intestino sano può supportare l'aspetto della pelle, specialmente per le condizioni infiammatorie. Includere alimenti ricchi di probiotici nella dieta, come yogurt, kefir o crauti, è un inizio e i probiotici supplementari possono rappresentare una dose terapeutica più elevata.

6. Estratto di tè verde.

Se ami una bevanda calda al mattino, potresti voler sorseggiare il tè verde. Il tè verde è un modo naturale per sostenere una carnagione uniforme e sana. La potente attività antiossidante del tè verde può aiutare a ridurre i danni dei radicali liberi, mentre le sue proprietà antinfiammatorie possono aiutare ad avere una struttura della pelle più liscia.

Il tè verde contiene sostanze fitochimiche che aiutano a proteggere le cellule della pelle dai fattori di stress ossidativo e supportano una sana risposta all'infiammazione. L'integrazione con estratto di tè verde ha prodotto risultati benefici per la salute della pelle, tra cui un aumento di collagene, di elasticità e una migliore consistenza quando assunto per via orale e una riduzione della comparsa di rughe quando applicato localmente.[xix],[xx]

È interessante notare che la ricerca suggerisce che i polifenoli del tè verde possono stimolare l'autofagia, lo strumento autopulente (di solito associato al digiuno) che il corpo utilizza per rimuovere le molecole cellulari vecchie e danneggiate. [xxi] Questo può aiutare a sostenere la rimozione di pro-ossidanti che possono contribuire ad un aspetto più vecchio della pelle.

woman mirror

Puntare a una pelle sana dall'interno

Quando si tratta di pelle vigorosa, non è possibile saltare le buone abitudini, ma l’utilizzo d’ integratori può fornire un ulteriore supporto. La nutrizione mirata attraverso nutrienti essenziali e adeguati integratori può aiutarti a sentirti meglio e ad avere un aspetto migliore, sostenendo allo stesso tempo la tua salute.

Sebbene non sia possibile fermare la naturale progressione dell'invecchiamento nel tempo, è possibile adottare misure per controllare l'influenza delle esposizioni ambientali. Se non sei sicuro da dove iniziare, chiedere un consiglio al tuo medico può aiutarti a personalizzare un piano che funzioni meglio per il tuo tipo di pelle e le tue esigenze.

 

 

Caitlin Beale, MSc, RDN è una dietista e scrittrice. Ha un master in nutrizione e oltre dieci anni di esperienza come dietista. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori non riflettono alcun bias del marchio registrato Pure Encapsulations®

 

[i] Lodish, Harvey, Arnold Berk, S. Lawrence Zipursky, Paul Matsudaira, David Baltimore e James Darnell. "Collagene: le proteine fibrose della matrice." Biologia cellulare molecolare. 4a Edizione, 2000. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK21582/.

 

[ii] Lodish, Harvey, Arnold Berk, S. Lawrence Zipursky, Paul Matsudaira, David Baltimore e James Darnell. "Collagene: le proteine fibrose della matrice." Biologia cellulare molecolare. 4a Edizione, 2000. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK21582/.

 

[iii] Lodish, Harvey, Arnold Berk, S. Lawrence Zipursky, Paul Matsudaira, David Baltimore e James Darnell. "Collagene: le proteine fibrose della matrice." Biologia cellulare molecolare. 4a Edizione, 2000. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK21582/.

 

[iv] Choi, Franchesca D., Calvin T. Sung, Margit L. W. Juhasz e Natasha Atanaskova Mesinkovsk. "Supplementazione orale di collagene: una revisione sistematica delle applicazioni dermatologiche." Giornale dei farmaci in dermatologia: JDD 18, n. 1 (1 gennaio 2019): 9–16.

 

[v] Schwartz, Stephen R., Kimberly A. Hammon, Anna Gafner, Amanda Dahl, Norman Guttman, Michelle Fong e Alexander G. Schauss. "Il nuovo estratto idrolizzato di cartilagine sternale di pollo migliora l'epidermide facciale e il tessuto connettivo in femmine adulte sane: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo." Terapie alternative in salute e medicina 25, n. 5 (settembre 2019): 12–29.

 

[vi] Asserin, Jérome, Elian Lati, Toshiaki Shioya e Janne Prawitt. "L'effetto della supplementazione orale di peptidi di collagene sull'umidità della pelle e la rete di collagene dermico: prove da un modello Ex Vivo e studi clinici randomizzati e controllati con placebo." Giornale di Dermatologia Cosmetica 14, n. 4 (dicembre 2015): 291–301. https://doi.org/10.1111/jocd.12174.

 

[vii] Balić, Anamaria, Domagoj Vlašić, Kristina Zužul, Branka Marinović e Zrinka Bukvić Mokos. Giornale Internazionale di Scienze Molecolari 21, n. 3 (23 gennaio 2020). https://doi.org/10.3390/ijms21030741.

 

[viii] Pilkington, Suzanne M., Rachel E.B. Watson, Anna Nicolaou e Lesley E. Rhodes. "Acidi grassi polinsaturi Omega-3: macronutrienti fotoprotettivi." Dermatologia Sperimentale 20, n. 7 (2011): 537–43. https://doi.org/10.1111/j.1600-0625.2011.01294.x.

 

[ix] Parke, Milbrey A., Ariadna Perez-Sanchez, Dina H. Zamil e Rajani Katta. "Dieta e barriera cutanea: il ruolo degli interventi dietetici sulla funzione della barriera cutanea." Dermatologia Pratica & Concettuale 11, n. 1 (29 gennaio 2021). https://doi.org/10.5826/dpc.1101a132.

 

[x] Jung, Jae Yoon, Hyuck Hoon Kwon, Jong Soo Hong, Ji Young Yoon, Mi Sun Park, Mi Young Jang e Dae Hun Suh. "Effetto dell'integrazione alimentare con acido grasso Omega-3 e acido gamma-linolenico su Acne Vulgaris: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato." Acta Dermato-Venereologico 94, n. 5 (settembre 2014): 521–25. https://doi.org/10.2340/00015555-1802.

 

[xi] Pullar, Juliet M., Anitra C. Carr e Margreet C.M. Vissers. "I ruoli della vitamina C nella salute della pelle." Nutrienti 9, n. 8 (12 agosto 2017). https://doi.org/10.3390/nu9080866.

 

[xii] Jenkins, G., L. J. Wainwright, R. Holland, K. E. Barrett e J. Casey. "Riduzione delle rughe nelle donne in post-menopausa che consumano un nuovo integratore orale: uno studio randomizzato controllato con placebo in doppio cieco." Giornale Internazionale di Scienza Cosmetica 36, n. 1 (febbraio 2014): 22–31. https://doi.org/10.1111/ics.12087.

 

[xiii] Cosgrove, Maeve C, Oscar H Franco, Stewart P Granger, Peter G Murray e Andrew E Mayes. "Assunzione di nutrienti dietetici e aspetto dell'invecchiamento della pelle tra le donne americane di mezza età." L'American Journal of Clinical Nutrition 86, n. 4 (1º ottobre 2007): 1225–31. https://doi.org/10.1093/ajcn/86.4.1225.

 

[xiv] Papakonstantinou, Eleni, Michael Roth e George Karakiulakis. "Acido ialuronico: una molecola chiave nell'invecchiamento della pelle." Dermato-Endocrinologia 4, n. 3 (1 luglio 2012): 253–58. https://doi.org/10.4161/derm.21923.

 

[xv] Di Cerbo, Alessandro, Carmen Laurino, Beniamino Palmieri, and Tommaso Iannitti. "Un integratore alimentare migliora il fotoinfiato facciale e il sebo della pelle, l'idratazione e la tonicità modulando la fibronectina sierica, l'elastasi 2 dei neutrofili, l'acido ialuronico e le proteine carbonilate." Giornale di fotochimica e fotobiologia. B, Biologia 144 (marzo 2015): 94–103. https://doi.org/10.1016/j.jphotobiol.2014.12.025.

 

[xvi] Kawada, Chinatsu, Takushi Yoshida, Hideto Yoshida, Ryosuke Matsuoka, Wakako Sakamoto, Wataru Odanaka, Toshihide Sato, et al. "L'ialuronan ingerito idrata la pelle secca". Giornale di nutrizione 13, n. 1 (11 luglio 2014): 70. https://doi.org/10.1186/1475-2891-13-70.

 

[xvii] Salem, Iman, Amy Ramser, Nancy Isham e Mahmoud A. Ghannoum. "Il microbioma intestinale come principale regolatore dell'asse intestino-pelle." Frontiere in Microbiologia 9 (10 luglio 2018). https://doi.org/10.3389/fmicb.2018.01459.

 

[xviii] Rozas, Miquel, Astrid Hart de Ruijter, Maria Jose Fabrega, Amine Zorgani, Marc Guell, Bernhard Paetzold e Francois Brillet. "Dalla disbiosi alla pelle sana: principali contributi di Cutibacterium Acnes all'omeostasi cutanea." Microrganismi 9, n. 3 (18 marzo 2021). https://doi.org/10.3390/microorganisms9030628.

 

[xix] Prasanth, Mani Iyer, Bhagavathi Sundaram Sivamaruthi, Chaiyavat Chaiyasut e Tewin Tencomnao. "Una revisione del ruolo del tè verde (Camellia Sinensis) nell'antifotoaging, nella resistenza allo stress, nella neuroprotezione e nell'autofagia." Nutrienti 11, n. 2 (23 febbraio 2019). https://doi.org/10.3390/nu11020474.

 

[xx] Heinrich, Ulrike, Carolyn E. Moore, Silke De Spirt, Hagen Tronnier e Wilhelm Stahl. "I polifenoli del tè verde forniscono fotoprotezione, aumentano la microcircolazione e modulano le proprietà della pelle delle donne." Il Giornale della Nutrizione 141, n. 6 (giugno 2011): 1202–8. https://doi.org/10.3945/jn.110.136465.

 

[xxi] Holczer, Marianna, Boglárka Besze, Veronika Zámbó, Miklós Csala, Gábor Bánhegyi e Orsolya Kapuy. "L'epigallocatechina-3-gallato (EGCG) promuove la sopravvivenza autofagica-dipendente influenzando l'equilibrio delle vie MTOR-AMPK sullo stress del reticolo endoplasmatico." Medicina ossidativa e longevità cellulare 2018 (2018): 6721530. https://doi.org/10.1155/2018/6721530.