woman working on PC woman working on PC

I migliori estratti botanici per contrastare l’infiammazione

14 Oct 2021 di Caitlin Beale, MSc, RDN

Condividi Ora

L'infiammazione, una reazione immuno-mediata, è il modo in cui il tuo corpo si difende da potenziali danni. Rossore, gonfiore o febbre sono tutti esempi tipici e fisiologici di infiammazione acuta. Se sei ferito o malato, l'infiammazione acuta invia un messaggio per promuovere la guarigione e la riparazione. Di solito dura solo pochi giorni e presto il corpo può rilassarsi in un normale stato di equilibrio. 12

Ma cosa succede quando il processo infiammatorio non si spegne? Con l'infiammazione, le vie di segnalazione immunitaria alterate continuano a produrre messaggeri infiammatori per mesi o anni. Il risultato è un sistema immunitario potenziato che sbilancia il tuo corpo.

Nel tempo, la risposta all'infiammazione può aumentare e contribuire a significativi problemi di salute, ma la buona notizia è che puoi adottare misure per limitare l'impatto sul tuo corpo. Gli estratti di erbe sono un modo semplice ma potente per aiutare il tuo corpo con il supporto sano dell'infiammazione.

Quali fattori contribuiscono all'infiammazione?

Molti dei fattori di rischio associati all'infiammazione sono collegati al tuo stile di vita, tra cui peso, dieta, stress e sonno. Con l'avanzare dell'età, la produzione di molecole infiammatorie da parte del tuo corpo aumenta naturalmente. Questi aumenti possono essere correlati all'accumulo di radicali liberi nel tempo, alla ridotta efficienza dei mitocondri (i produttori di energia delle cellule) e alla diminuzione degli ormoni protettivi come gli estrogeni.3

Anche l’obesità può contribuire poiché il tessuto adiposo secerne le proprie cellule pro-infiammatorie4 insieme a una dieta ricca di zuccheri raffinati o grassi saturi. Insieme, queste esposizioni quotidiane possono aumentare lo stress ossidativo e l'infiammazione nel tuo corpo. 2

L'infiammazione muscoloscheletrica o gastrointestinale è complicata perché mentre alcuni manifestano sintomi come affaticamento o problemi digestivi, molte persone non sono nemmeno consapevoli fino a quando non diventa un problema più grande. Numerosi problemi di salute sono attribuibili o aggravati dall'infiammazione cronica e dal danno ossidativo. 5

Questo è il motivo per cui c'è una tale enfasi sulle diete antinfiammatorie per ridurre questi insulti quotidiani includendo cibi noti per supportare una sana risposta infiammatoria e un'attività antiossidante.6

Ma oltre al cibo che mangi, ci sono alcune spezie ed erbe speciali che forniscono un forte supporto per l'infiammazione.

Estratti botanici contro l’infiammazione

Curcuma (Curcuma longa)

Il curry del tuo ristorante di cucina indiano preferito ottiene il suo colore giallo intenso da questa potente spezia. Utilizzata nella cucina ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese, la curcuma mantiene una risposta infiammatoria salutare e possiedeproprietà antiossidanti. Nella ricerca, molti dei benefici per la salute attribuiti alla curcuma sono dovuti a un composto presente nella curcuma chiamato curcumina.

La curcumina è stata ben studiata per la sua interazione con le molecole infiammatorie e l'influenza antiossidante nel tuo corpo.7 Può supportare la riduzione dello stress ossidativo e dell'infiammazione attraverso la sua capacità di interrompere i segnali pro-infiammatori. Può anche aiutare a bilanciare i danni dei radicali liberi supportando l'attività antiossidante.7

Molti studi hanno collegato l'integrazione di curcumina con il supporto dell'infiammazione articolare.8 Il dolore articolare occasionale è un segno di infiammazione, quindi questo potrebbe essere il motivo per cui la curcumina sembra così favorevole ai miglioramenti con il dolore articolare occasionale.9 Può anche aiutare a ridurre i marcatori di infiammazione associati a determinate condizioni di salute.10, 11

Poiché l'interesse per la curcuma è cresciuto negli ultimi anni, sono sempre più popolari le ricette come il golden milk (una bevanda calda ottenuta mescolando latte o latte vegetale, curcuma e altre spezie) o zuppe. Includere nel proprio menù settimanale alcune ricette ricche di curcuma può essere un modo delizioso per ottenere di una dieta più salutare.

Allo stesso tempo, l'integrazione può anche aumentare l'assunzione. È importante notare che l'assorbimento della curcuma è migliorato con il consumo di grassi e pepe nero. Molti integratori sono stati progettati con questo principio per supportare un assorbimento ottimale.

Ginseng (Panax Ginseng)

Panax Ginseng (noto anche come Ginseng asiatico) è un’erba speciale per i molti modi in cui sostiene il tuo corpo. Esistono diversi tipi di ginseng, ma il Panax Ginseng è il più comunemente usato e ricercato.12 Viene spesso utilizzato per promuovere la vitalità e per sostenere il corpo durante i periodi di stress occasionale.13

Il ginseng può supportare l'infiammazione nel corpo attraverso i suoi effetti sulla risposta allo stress. È classificato come adattogeno: significa12 che supporta una sana risposta allo stress nel corpo. Lo stress può contribuire in modo significativo all'infiammazione a causa della sovraregolazione degli ormoni dello stress, ma il ginseng può aiutare a calmare la risposta surrenale, riducendo l'impatto degli ormoni dello stress sul tuo corpo.14

Il ginseng può anche svolgere un ruolo nel supportare il rilascio di citochine infiammatorie come parte di una risposta immunitaria sana.15 Un piccolo studio condotto su studenti universitari ha anche scoperto che l'integrazione di ginseng ha migliorato i marcatori infiammatori dopo l'esercizio e ha sostenuto miglioramenti nella risposta glicemica.16

Assunto con zuppe e infusi il ginseng possiede un sapore amaro. Per questo motivo è comunemente usato negli integratori.

WOMEN SHOPPING AT CENTRAL MARKET

Incenso Indiano (Boswellia Serrata)

Sebbene questa erba non si trovi probabilmente nella cucina di tutti i giorni, ha una lunga e antica storia nella medicina ayurvedica. La Boswellia è una resina dell'albero della Boswellia serrata. Può essere assunto come integratore, tintura o utilizzato come olio per promuovere la salute delle articolazioni, del tessuto connettivo e della funzione del colon supportando una sana risposta all'infiammazione.17

Gli acidi della Boswellia sono stati studiati per il loro effetto sull'inibizione delle molecole di segnalazione infiammatorie, specialmente quelle associate al dolore e ai danni dei radicali liberi.17 Sebbene siano necessari più studi clinici, la ricerca suggerisce che gli acidi della Boswellia sembrano interrompere un enzima pro-infiammatorio specifico che fornisce supporto per la mobilità e il dolore articolare occasionale.18 Può anche avere un impatto positivo sul recupero per quelli con condizioni neurologiche supportando una riduzione dei marcatori infiammatori.19

È interessante notare che un contributo significativo allo stress ossidativo è il sovrallenamento. Il movimento fisico quotidiano è una parte essenziale di uno stile di vita sano, ma esagerare può aumentare i danni dei radicali liberi e l'infiammazione nel corpo. Uno studio che ha esaminato gli atleti che hanno assunto un integratore combinato di Boswellia e curcumina ha scoperto che seguire un modello di dieta mediterranea ha migliorato diversi marcatori di infiammazione in tutti gli atleti, ma quelli che hanno anche preso l'integratore hanno visto miglioramenti ancora maggiori.20

Probabilmente la Boswellia non è qualcosa che aggiungeresti a un pasto notturno, ma è facile da trovare in un integratore.

YOGA TIME

Conclusioni

Più apprendiamo sull'infiammazione e sul corpo, più ci accorgiamo che adottare misure quotidiane per supportare la sua riduzione non è solo essenziale, ma è un modo semplice per potenziare te stesso nel tuo viaggio verso la salute. È sempre utile discutere degli integratori con il proprio medico curante. Tuttavia, un vantaggio significativo di queste erbe è che sono delicate ma efficaci.

Anche se non puoi fermare la naturale progressione dell'invecchiamento, puoi fare scelte di vita che riducono il carico infiammatorio nel corpo. In combinazione con abitudini sane, in particolare con cibi antinfiammatori, questi prodotti botanici possono essere un potente strumento per supportare una sana risposta infiammatoria.

 

 

Caitlin Beale, MSc, RDN è una dietista e scrittrice. Ha un master in nutrizione e oltre dieci anni di esperienza come dietista. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori non riflettono alcun bias del marchio registrato Pure Encapsulations®

 


[1] Furman, David, Judith Campisi, Eric Verdin, Pedro Carrera-Bastos, Sasha Targ, Claudio Franceschi, Luigi Ferrucci, et al. Nature Medicine 25, no. 12 (December 2019): 1822–32. https://doi.org/10.1038/s41591-019-0675-0.

 

[1] Pahwa, Roma, Amandeep Goyal, Pankaj Bansal, and Ishwarlal Jialal. In StatPearls. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing, 2021. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK493173/.

 

[1] Villa, Alessandro, Nicoletta Rizzi, Elisabetta Vegeto, Paolo Ciana, and Adriana Maggi. “Estrogen Accelerates the Resolution of Inflammation in Macrophagic Cells.” Scientific Reports 5, no. 1 (October 19, 2015): 15224. https://doi.org/10.1038/srep15224.

 

[1] Makki, Kassem, Philippe Froguel, and Isabelle Wolowczuk. “Adipose Tissue in Obesity-Related Inflammation and Insulin Resistance: Cells, Cytokines, and Chemokines.” ISRN Inflammation 2013 (December 22, 2013). https://doi.org/10.1155/2013/139239.

 

[1] Hunter, Philip. “The Inflammation Theory of Disease.” EMBO Reports 13, no. 11 (November 2012): 968–70. https://doi.org/10.1038/embor.2012.142.

 

[1] Minihane, Anne M., Sophie Vinoy, Wendy R. Russell, Athanasia Baka, Helen M. Roche, Kieran M. Tuohy, Jessica L. Teeling, et al. “Low-Grade Inflammation, Diet Composition and Health: Current Research Evidence and Its Translation.” The British Journal of Nutrition 114, no. 7 (October 14, 2015): 999–1012. https://doi.org/10.1017/S0007114515002093.

 

[1] He, Yan, Yuan Yue, Xi Zheng, Kun Zhang, Shaohua Chen, and Zhiyun Du. Molecules 20, no. 5 (May 2015): 9183–9213. https://doi.org/10.3390/molecules20059183.

 

[1] Paultre, Kristopher, William Cade, Daniel Hernandez, John Reynolds, Dylan Greif, and Thomas Michael Best. BMJ Open Sport & Exercise Medicine 7, no. 1 (January 1, 2021): e000935. https://doi.org/10.1136/bmjsem-2020-000935.

 

[1] Amalraj, Augustine, Karthik Varma, Joby Jacob, Chandradhara Divya, Ajaikumar B. Kunnumakkara, Sidney J. Stohs, and Sreeraj Gopi. Journal of Medicinal Food 20, no. 10 (October 2017): 1022–30. https://doi.org/10.1089/jmf.2017.3930.

 

[1] Khajehdehi, Parviz, Maryam Pakfetrat, Katayoun Javidnia, Fariborz Azad, Leila Malekmakan, Mahshid Hashemi Nasab, and Gholamreza Dehghanzadeh. Scandinavian Journal of Urology and Nephrology 45, no. 5 (November 2011): 365–70. https://doi.org/10.3109/00365599.2011.585622.

 

[1] Khajehdehi, Parviz, Batol Zanjaninejad, Elham Aflaki, Mohamadali Nazarinia, Fariborz Azad, Leila Malekmakan, and Gholam-Reza Dehghanzadeh. Journal of Renal Nutrition: The Official Journal of the Council on Renal Nutrition of the National Kidney Foundation 22, no. 1 (January 2012): 50–57. https://doi.org/10.1053/j.jrn.2011.03.002.

 

[1] Yun, T. K. “Brief Introduction of Panax Ginseng C.A. Meyer.” Journal of Korean Medical Science 16 Suppl (December 2001): S3-5. https://doi.org/10.3346/jkms.2001.16.S.S3.

 

[1] Panossian, Alexander G., Thomas Efferth, Alexander N. Shikov, Olga N. Pozharitskaya, Kenny Kuchta, Pulok K. Mukherjee, Subhadip Banerjee, et al. “Evolution of the Adaptogenic Concept from Traditional Use to Medical Systems: Pharmacology of Stress- and Aging-Related Diseases.” Medicinal Research Reviews 41, no. 1 (January 2021): 630–703. https://doi.org/10.1002/med.21743.

 

[1] Irfan, Muhammad, Yi-Seong Kwak, Chang-Kyun Han, Sun Hee Hyun, and Man Hee Rhee. “Adaptogenic Effects of Panax Ginseng on Modulation of Cardiovascular Functions.” Journal of Ginseng Research 44, no. 4 (July 2020): 538–43. https://doi.org/10.1016/j.jgr.2020.03.001.

 

[1] Kang, Soowon, and Hyeyoung Min. “Ginseng, the ‘Immunity Boost’: The Effects of Panax Ginseng on Immune System.” Journal of Ginseng Research 36, no. 4 (October 2012): 354–68. https://doi.org/10.5142/jgr.2012.36.4.354.

 

[1] Jung, Hyun Lyung, Hye Eun Kwak, Sung Soo Kim, Young Chan Kim, Chong Do Lee, Heidi K. Byurn, and Ho Youl Kang. “Effects of Panax Ginseng Supplementation on Muscle Damage and Inflammation after Uphill Treadmill Running in Humans.” The American Journal of Chinese Medicine 39, no. 3 (2011): 441–50. https://doi.org/10.1142/S0192415X11008944.

 

[1] Siddiqui, M. Z. “Boswellia Serrata, A Potential Antiinflammatory Agent: An Overview.” Indian Journal of Pharmaceutical Sciences 73, no. 3 (2011): 255–61. https://doi.org/10.4103/0250-474X.93507.

 

[1] Vishal, Amar A., Artatrana Mishra, and Siba P. Raychaudhuri. International Journal of Medical Sciences 8, no. 7 (2011): 615–22. https://doi.org/10.7150/ijms.8.615.

 

[1] Baram, Somayeh Mahmoodi, Saeed Karima, Somayeh Shateri, Abbas Tafakhori, Akbar Fotouhi, Behnam Safarpour Lima, Shima Rajaei, et al. Inflammopharmacology 27, no. 6 (December 2019): 1101–12. https://doi.org/10.1007/s10787-019-00627-z.

 

[1] Chilelli, Nino Cristiano, Eugenio Ragazzi, Romina Valentini, Chiara Cosma, Stefania Ferraresso, Annunziata Lapolla, and Giovanni Sartore. “Curcumin and Boswellia Serrata Modulate the Glyco-Oxidative Status and Lipo-Oxidation in Master Athletes.” Nutrients 8, no. 11 (November 2016): 745. https://doi.org/10.3390/nu8110745.