capsules capsules

Multivitaminici: l'anello mancante per un'alimentazione ottimale

14 Oct 2021 di Caitlin Beale, MSc, RDN

Condividi Ora

Probabilmente hai sentito dire che puoi ottenere tutti i nutrienti di cui hai bisogno per una salute ottimale se segui una dieta sana. Ma questo è vero?

Il cibo dovrebbe infatti porre le basi per l'assunzione di nutrienti. Ma i multivitaminici possono aiutare a colmare eventuali lacune per supportare meglio il benessere oltre a una dieta sana. Ci sono molte ragioni per cui anche se segui una dieta sana, potrebbe non contenere tutto ciò di cui hai bisogno. I multivitaminici sono progettati per fornire nutrienti essenziali per il tuo corpo che potrebbero mancare dalla tua dieta. C'è spesso un'idea sbagliata sul fatto che le vitamine siano necessarie solo per determinate fasi della vita o determinate condizioni mediche, ma i multivitaminici possono essere utili per chiunque.

Cos'è l'alimentazione ottimale?

Dai un'occhiata al retro di una confezione di cibo e noterai che fornisce percentuali di nutrienti specifici, ma cosa significa in realtà? E abbiamo tutti bisogno della stessa quantità?

Le linee guida dietetiche forniscono una base molto generale per aiutare le persone a fare scelte nutrizionali, ma potrebbero non essere sufficienti per tutti. Ad esempio, la percentuale di nutrienti trovata sull'etichetta di un alimento si basa su una dieta da 2.000 calorie, quindi non è molto utile se si mangia più o meno di quella quantità. In generale, le linee guida nutrizionali si basano sulla quantità minima di nutrienti per prevenire gravi malattie da carenza. Sono uno strumento essenziale per la salute pubblica, ma non considerano la differenza significativa tra nutrizione di base e salute ottimale. Inoltre, la tua genetica e il tuo stile di vita possono avere un impatto significativo sul modo in cui hai bisogno e assorbi i nutrienti.

C'è una notevole differenza tra un'alimentazione ottimale e il soddisfacimento dei bisogni di base. La maggior parte delle persone nei paesi sviluppati può ottenere abbastanza nutrienti per prevenire gravi carenze nutrizionali osservate con la malnutrizione. Tuttavia, un'alimentazione ottimale va oltre la semplice prevenzione delle carenze. Significa che stai ricevendo abbastanza nutrienti non solo per mantenerti in vita ma per prosperare riducendo il rischio di determinate condizioni di salute.

In che modo l'assunzione ottimale di nutrienti può influire sulla tua salute?

Poiché molte ricerche collegano l'importanza della nutrizione per ridurre il rischio di malattie croniche, è chiaro che puoi avere un livello non ottimale di un micronutriente prima che abbia un impatto negativo sulla tua salute.

Ad esempio, il magnesio è un nutriente in cui lo stato non ottimale è legato a significativi problemi di salute cronici, inclusi squilibri di zucchero nel sangue e condizioni infiammatorie. Tuttavia, gli studi suggeriscono che la maggior parte delle persone, che non ne ricevono abbastanza dalla propria dieta, potrebbero aver bisogno di ulteriori integrazioni. 1 2È anche possibile che molti casi di carenza di magnesio non vengano diagnosticati perché le misurazioni del siero possono sembrare normali quando in realtà non lo sono.2

L'integrazione con multivitaminici può anche supportare le persone senza condizioni di salute note. Un'analisi degli studi che esaminano l'integrazione multivitaminica e l'effetto sull'umore per le persone senza carenze nutrizionali note ha scoperto che l'integrazione supportava miglioramenti dell'umore e dello stress percepito, in particolare grazie alle vitamine del gruppo B.3

Risultati simili sono stati osservati in uno studio clinico in cui adulti sani a cui era stato somministrato un multivitaminico avevano marcatori per l'infiammazione diminuiti e si è notato un miglioramento dell'umore rispetto al gruppo placebo.4

pilates class

Riuscite a soddisfare il fabbisogno di micronutrienti dal solo cibo?

Anche coloro che seguono diete apparentemente sane ed equilibrate possono perdere importanti nutrienti. Un tipico esempio di questo è visto con le diete vegane o vegetariane. Non dovrebbe sorprendere che una dieta a base vegetale ben progettata possa essere buona per te, ma devi comunque integrare con la vitamina B12, che si trova solo nei prodotti animali. Ma anche se non segui uno schema dietetico specifico e segui semplicemente una dieta generalmente sana, puoi comunque mancare di nutrienti. Ad esempio, la maggior parte delle persone sa che dovrebbe mangiare almeno da tre a cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, ma ancora non lo soddisfa. In effetti, in una recente reviw sul consumo globale di verdure ha rilevato che l'88% dei 162 paesi studiati aveva un'assunzione inferiore alle raccomandazioni previste per la salute pubblica.5

Anche la composizione della tua dieta o il modo in cui viene cucinato il cibo può influire sull'accessibilità o sulla quantità di nutrienti. Ad esempio, i broccoli, una ricca fonte di vitamina C, perdono la maggior parte di questa vitamina in tutti i metodi di cottura tranne che per la cottura a vapore.Al contrario, cucinare determinati alimenti come i pomodori può aumentare la biodisponibilità dei nutrienti essenziali. Ma poiché la maggior parte delle persone utilizza un'ampia varietà di metodi di preparazione, non è sempre facile sapere esattamente quanto ne si ottiene dal cibo.È chiaro che dovresti mangiare un'ampia varietà di cibi per un'alimentazione ottimale, ma molte persone tendono a mangiare gli stessi cibi o semplicemente non hanno accesso a prodotti freschi tutto l'anno. Un multivitaminico può aiutare a colmare queste lacune.

Qual è l'impatto ambientale sulla disponibilità di nutrienti?

nature's ball

Diversi fattori ambientali possono anche influenzare la quantità di nutrienti nel cibo:

  • I livelli di nutrienti nel suolo. La quantità di nutrienti nel terreno influisce su quanto finisce nel cibo. Nel tempo i minerali trovati nel suolo sono diminuiti in modo significativo, con conseguenti perdite di nutrienti dal cinque al quaranta percento, come citato in diversi studi. Ciò è dovuto a diversi motivi, incluso l'uso di fertilizzanti sintetici e pesticidi.

Nel complesso, questo porta a un minor contenuto di nutrienti nelle piante, il che significa che sono disponibili meno nutrienti quando li mangiamo.

Ad esempio, il magnesio è un nutriente che è influenzato dal contenuto del suolo. La contaminazione del suolo da metalli pesanti e dall'uso di pesticidi può ridurre il contenuto di questo minerale nel suolo e quindi influire sulla quantità presente nelle colture. 2

  • Cambiamento climatico.  Quando pensi alle discussioni sul cambiamento climatico, non pensi automaticamente all'approvvigionamento alimentare - ma è connesso. A livello di base, i cambiamenti nei modelli meteorologici come la siccità e la variabilità delle precipitazioni possono influenzare il modo in cui il cibo viene coltivato e la capacità della pianta di assorbire i nutrienti.

Ma ancora di più, la ricerca suggerisce che quando le piante sono esposte a livelli più elevati di anidride carbonica, possono perdere quantità significative di nutrienti, tra cui zinco, ferro, magnesio e proteine.8 9 Ciò significa che le raccomandazioni alimentari progettate per soddisfare le linee guida potrebbero non fornire più la stessa quantità di nutrienti man mano che il cambiamento climatico peggiora.

L’integrazione multivitaminica può migliorare il tuo piano nutrizionale

Non ci sono risposte univoche per la nutrizione. Invece, è importante adattare la tua dieta e gli integratori alle tue esigenze individuali. A tal fine, i multivitaminici sono un ottimo punto di partenza se stai cercando di colmare le lacune in una dieta altrimenti ricca di nutrienti.

Lo stato subclinico dei nutrienti può essere un problema tanto quanto una carenza franca quando iniziamo a capire la connessione con la nostra salute a lungo termine.

La tua dieta dovrebbe sempre essere la base, poiché un multivitaminico non sostituirà mai il cibo reale. Ma l'integrazione può essere la polizza assicurativa che supporta un'alimentazione ottimale.

 

 

Caitlin Beale, MSc, RDN è una dietista e scrittrice. Ha un master in nutrizione e oltre dieci anni di esperienza come dietista. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori non riflettono alcun bias del marchio registrato Pure Encapsulations®

 


[1] Rosanoff, Andrea, Connie M. Weaver, and Robert K. Rude. “Suboptimal Magnesium Status in the United States: Are the Health Consequences Underestimated?” Nutrition Reviews 70, no. 3 (March 2012): 153–64. https://doi.org/10.1111/j.1753-4887.2011.00465.x.

 

[1] DiNicolantonio, James J, James H O’Keefe, and William Wilson. Open Heart 5, no. 1 (January 13, 2018). https://doi.org/10.1136/openhrt-2017-000668.

 

[1] Long, Sara-Jayne, and David Benton. “Effects of Vitamin and Mineral Supplementation on Stress, Mild Psychiatric Symptoms, and Mood in Nonclinical Samples: A Meta-Analysis.” Psychosomatic Medicine 75, no. 2 (March 2013): 144–53. https://doi.org/10.1097/PSY.0b013e31827d5fbd.

 

[1] White, David J., Katherine H. M. Cox, Riccarda Peters, Andrew Pipingas, and Andrew B. Scholey. “Effects of Four-Week Supplementation with a Multi-Vitamin/Mineral Preparation on Mood and Blood Biomarkers in Young Adults: A Randomised, Double-Blind, Placebo-Controlled Trial.” Nutrients 7, no. 11 (October 30, 2015): 9005–17. https://doi.org/10.3390/nu7115451.

 

[1] Kalmpourtzidou, Aliki, Ans Eilander, and Elise F. Talsma. “Global Vegetable Intake and Supply Compared to Recommendations: A Systematic Review.” Nutrients 12, no. 6 (May 27, 2020). https://doi.org/10.3390/nu12061558.

 

[1] Yuan, Gao-feng, Bo Sun, Jing Yuan, and Qiao-mei Wang. “Effects of Different Cooking Methods on Health-Promoting Compounds of Broccoli.” Journal of Zhejiang University. Science. B 10, no. 8 (August 2009): 580–88. https://doi.org/10.1631/jzus.B0920051.

 

[1] Davis, Donald R. “Declining Fruit and Vegetable Nutrient Composition: What Is the Evidence?” HortScience 44, no. 1 (February 1, 2009): 15–19. https://doi.org/10.21273/HORTSCI.44.1.15.

 

[1] Smith, Matthew R., and Samuel S. Myers. “Impact of Anthropogenic CO 2 Emissions on Global Human Nutrition.” Nature Climate Change 8, no. 9 (September 2018): 834–39. https://doi.org/10.1038/s41558-018-0253-3.

 

[1] Dong, Jinlong, Nazim Gruda, Shu K. Lam, Xun Li, and Zengqiang Duan. “Effects of Elevated CO2 on Nutritional Quality of Vegetables: A Review.” Frontiers in Plant Science 9 (August 15, 2018). https://doi.org/10.3389/fpls.2018.00924.