stretching stretching

Perché il calcio da solo non è abbastanza per il benessere delle ossa

14 Oct 2021 di Caitlin Beale, MSc, RDN

Condividi Ora

Solitamente la salute pubblica consiglia di concentrarsi sul calcio per avere ossa forti. Anche se questo è vero, è una visione semplicistica della salute delle ossa.

In realtà, molti altri nutrienti sono altrettanto importanti. Vitamine e minerali che supportano le ossa, lavorano come una squadra insieme al calcio, per mantenere le ossa forti e sane dall'infanzia fino all’età avanzata.

In che modo il calcio supporta la salute delle ossa?

Per capire in che modo altri nutrienti contribuiscono alla salute delle ossa, è utile iniziare dal calcio. Il calcio è il minerale più abbondantemente presente nel tuo corpo. È così importante che le ossa rischieranno di rompersi se non sarà sufficiente l'assunzione di Calcio attraverso la dieta o gli integratori.

Oltre ad essere un importante elemento costitutivo dell'osso, il calcio svolge anche un ruolo nella segnalazione cellulare. Puoi trovare una piccola quantità di calcio nel sangue e nelle cellule, ma quasi il 99% si trova nelle ossa e nei denti.

Con l'avanzare dell'età, la disgregazione ossea aumenta mentre la formazione ossea rallenta, soprattutto nelle donne in post-menopausa. Questi cambiamenti provocano perdita di massa ossea e problemi di integrità. L'associazione tra calcio e salute delle ossa è diventata un messaggio di salute pubblica dopo che diversi studi hanno trovato una connessione significativa tra l'assunzione di calcio nella dieta e la salute delle ossa.

In realtà, il rapporto non è così in bianco e nero. Un'ampia revisione, che ha esaminato molti studi diversi incentrati sulla relazione tra l'assunzione di calcio e la salute delle ossa negli anziani, ha riscontrato risultati contrastanti tra l'assunzione di calcio e il rischio di frattura. Gli autori hanno scoperto che il calcio non sembrava essere associato a un ridotto rischio di frattura. Pertanto, hanno concluso che le prove a sostegno degli integratori di solo calcio per la salute delle ossa sono, nella migliore delle ipotesi, deboli.

Quindi, dovresti evitare il calcio per avere ossa sane?

La risposta è no. Il calcio è importante per le tue ossa, ma non funziona da solo.

Ci sono notevoli benefici quando il calcio è combinato con altri nutrienti. Ad esempio, una meta-analisi di studi che hanno utilizzato il calcio in combinazione con la vitamina D ha illustrato il beneficio dell'integrazione con entrambi i nutrienti per ridurre il rischio di fratture, in particolare le fratture dell'anca.

Questi risultati suggeriscono che il calcio è essenziale, ma come singolo nutriente non è sufficiente. Questa conclusione ha senso, perché nel mondo reale i nutrienti non esistono in assoluto isolamento. Quando mangi un pasto, assumi vitamine e minerali che lavorano sinergicamente insieme. Quindi, in teoria, i tuoi integratori dovrebbero funzionare in modo simile, poiché il nostro corpo utilizza la combinazione di tutti questi nutrienti per supportare la salute delle nostre ossa.

father and son

Quali altri nutrienti supportano le ossa?

Vitamina D3

Come accennato in precedenza, la vitamina D è stata ben studiata per il suo impatto positivo sulla salute delle ossa. Combinata con il calcio aiuta a sostenere la forza e ridurre il rischio di frattura. Una vitamina liposolubile essenziale. La fonte primaria di vitamina D è attraverso l'esposizione al sole, poiché è difficile ottenerne abbastanza attraverso la dieta. Tuttavia, a causa della pigmentazione della pelle, della protezione solare e delle differenze climatiche, molte persone hanno livelli non ottimali.

Gli osteoblasti, le cellule che formano l'osso, hanno recettori della vitamina D sulla loro superficie. Di conseguenza, la vitamina D può aiutare a sostenere la formazione di nuove cellule ossee e tessuto osseo. La vitamina D può anche influenzare l'espressione dei geni per le proteine ossee ed i fattori di crescita. Dosi più elevate di supplementazione di vitamina D durante la gravidanza potrebbero persino portare a ossa più forti per i bambini durante la crescita.

Magnesio

Un altro minerale poco citato per il supporto osseo è il magnesio. Il magnesio lavora in sinergia con altri nutrienti per la costruzione delle ossa nel corpo. È particolarmente utile per supportare la densità minerale ossea, un aspetto importante per la salute delle ossa. Il magnesio può aiutare la salute delle ossa perché influisce ed aiuta l'attività della vitamina D insieme al calcio.

Gli studi dimostrano che livelli bassi di magnesio sono associati a problemi di salute delle ossa. Inoltre, le persone che assumono quantità inferiori di magnesio nella loro dieta sembrano avere un aumentato rischio di fratture e una ridotta densità minerale ossea. Allo stesso tempo, l'integrazione supporta la densità minerale ossea e la riduzione della disgregazione ossea.

Zinco

Lo zinco è un altro minerale traccia che contribuisce alla salute delle ossa. Circa il 30% dello zinco nel tuo corpo si trova nelle ossa. Lo zinco si trova principalmente negli alimenti ricchi di proteine, in particolare nei crostacei.

In combinazione con calcio, vitamina D e magnesio, lo zinco aiuta con la mineralizzazione ossea, supporta la formazione e la rigenerazione di ossa nuove stimolando gli osteoblasti, aiuta anche a inibire la disgregazione ossea ed è necessario per un assorbimento ottimale del calcio. Al contrario, livelli di zinco subottimali, sono associati a una ridotta crescita scheletrica, scarsa densità ossea e livelli ancora più bassi di sintesi del collagene.

Rame

Il rame lavora in tandem con lo zinco e il rapporto tra i due è essenziale per la salute delle ossa e non solo. Ancora una volta, potremmo non considerare immediatamente il rame un nutriente importante per le ossa, ma svolge un ruolo fondamentale nella costruzione degli enzimi necessari al collagene, per supportare la struttura dell'osso.

Simile allo zinco, anche il rame agisce per prevenire la frattura dell'osso. Senza sufficiente apporto di rame, il rischio di una cattiva salute delle ossa aumenta e le ossa possono crescere in modo anomalo a causa della ridotta produzione di enzimi sopra menzionata.

Vitamina C

Sebbene si possa pensare principalmente alla vitamina C per i suoi benefici sul sistema immunitario, svolge anche un ruolo nella formazione delle ossa. L'assunzione di vitamina C (o acido ascorbico) attraverso la dieta e l'integrazione è associata al sostegno della densità minerale ossea, specialmente nelle donne in menopausa. I suoi effetti positivi possono essere correlati alla capacità della vitamina C di influenzare l'espressione genica per la matrice ossea negli osteoblasti.

Manganese

Il manganese è un metallo in tracce che lavora ancora una volta in sinergia con altri nutrienti per il supporto osseo. Gli studi sul manganese per la salute delle ossa non sono così significativi rispetto a molti altri nutrienti. Il manganese agisce come cofattore per la costruzione della cartilagine ossea, del collagene e della mineralizzazione ossea.

Livelli inferiori di assunzione di manganese sono associati a una ridotta densità ossea. E gli studi che hanno utilizzato integrazione di manganese combinato con calcio, rame e zinco hanno visto miglioramenti nel mantenimento delle ossa dopo la menopausa, rispetto a un gruppo placebo. 

strong bones

Varia i tuoi nutrienti per la salute delle ossa

Come puoi vedere, molti nutrienti diversi influiscono sulla salute delle ossa. Il sostegno delle ossa richiede un equilibrio di tutti questi nutrienti. Una dieta ricca di prodotti freschi, cereali integrali e proteine sane contribuirà a fornire fonti di queste vitamine e minerali nella tua assunzione giornaliera. Tuttavia, l'integrazione può essere particolarmente utile per assicurarsi di soddisfare tutte le esigenze di nutrienti per le ossa.

 

Caitlin Beale, MSc, RDN è una dietista e scrittrice. Ha un master in nutrizione e oltre dieci anni di esperienza come dietista. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori non riflettono alcun bias del marchio registrato Pure Encapsulations®

 


 

[1] Jacobson, Jake, and Michael R. Duchen. “Interplay between Mitochondria and Cellular Calcium Signalling.” Molecular and Cellular Biochemistry 256–257, no. 1–2 (February 2004): 209–18. https://doi.org/10.1023/b:mcbi.0000009869.29827.df.

 

[1] Intakes, Institute of Medicine (US) Standing Committee on the Scientific Evaluation of Dietary Reference. Calcium. Dietary Reference Intakes for Calcium, Phosphorus, Magnesium, Vitamin D, and Fluoride. National Academies Press (US), 1997. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK109827/.

 

[1] Bolland, Mark J., William Leung, Vicky Tai, Sonja Bastin, Greg D. Gamble, Andrew Grey, and Ian R. Reid. “Calcium Intake and Risk of Fracture: Systematic Review.” BMJ (Clinical Research Ed.) 351 (September 29, 2015): h4580. https://doi.org/10.1136/bmj.h4580.

 

[1] Weaver, C. M., D. D. Alexander, C. J. Boushey, B. Dawson-Hughes, J. M. Lappe, M. S. LeBoff, S. Liu, A. C. Looker, T. C. Wallace, and D. D. Wang. Osteoporosis International: A Journal Established as Result of Cooperation between the European Foundation for Osteoporosis and the National Osteoporosis Foundation of the USA 27, no. 1 (January 2016): 367–76. https://doi.org/10.1007/s00198-015-3386-5.

 

[1] Muñoz-Garach, Araceli, Beatriz García-Fontana, and Manuel Muñoz-Torres.  Nutrients 12, no. 7 (July 3, 2020). https://doi.org/10.3390/nu12071986.

 

[1] Islam, Md Zahirul, Abu Ahmed Shamim, Heli T. Viljakainen, Mohammad Akhtaruzzaman, Atia H. Jehan, Habib Ullah Khan, Ferdaus Ahmad Al-Arif, and Christel Lamberg-Allardt. “Effect of Vitamin D, Calcium and Multiple Micronutrient Supplementation on Vitamin D and Bone Status in Bangladeshi Premenopausal Garment Factory Workers with Hypovitaminosis D: A Double-Blinded, Randomised, Placebo-Controlled 1-Year Intervention.” The British Journal of Nutrition 104, no. 2 (July 2010): 241–47. https://doi.org/10.1017/S0007114510000437.

 

[1] Lam, Nga N., Rahma Triliana, Rebecca K. Sawyer, Gerald J. Atkins, Howard A. Morris, Peter D. O’Loughlin, and Paul H. Anderson. “Vitamin D Receptor Overexpression in Osteoblasts and Osteocytes Prevents Bone Loss during Vitamin D-Deficiency.” The Journal of Steroid Biochemistry and Molecular Biology 144 Pt A (October 2014): 128–31. https://doi.org/10.1016/j.jsbmb.2014.01.002.

 

[1] Leeuwen, J. P. van, M. van Driel, G. J. van den Bemd, and H. A. Pols. “Vitamin D Control of Osteoblast Function and Bone Extracellular Matrix Mineralization.” Critical Reviews in Eukaryotic Gene Expression 11, no. 1–3 (2001): 199–226.

 

[1] M., Driel van, A. P. Pols H., and T. M. van Leeuwen J. P. “Osteoblast Differentiation and Control by Vitamin D and Vitamin D Metabolites.” Current Pharmaceutical Design 10, no. 21 (July 31, 2004): 2535–55.

 

[1] Brustad, Nicklas, Juri Garland, Jonathan Thorsen, Astrid Sevelsted, Martin Krakauer, Rebecca K. Vinding, Jakob Stokholm, Klaus Bønnelykke, Hans Bisgaard, and Bo L. Chawes. “Effect of High-Dose vs Standard-Dose Vitamin D Supplementation in Pregnancy on Bone Mineralization in Offspring Until Age 6 Years: A Prespecified Secondary Analysis of a Double-Blinded, Randomized Clinical Trial.” JAMA Pediatrics 174, no. 5 (May 1, 2020): 419–27. https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2019.6083.

 

[1] Dai, Qi, Xiangzhu Zhu, JoAnn E. Manson, Yiqing Song, Xingnan Li, Adrian A. Franke, Rebecca B. Costello, et al. “Magnesium Status and Supplementation Influence Vitamin D Status and Metabolism: Results from a Randomized Trial.” The American Journal of Clinical Nutrition 108, no. 6 (December 1, 2018): 1249–58. https://doi.org/10.1093/ajcn/nqy274.

 

[1] Rondanelli, Mariangela, Milena Anna Faliva, Alice Tartara, Clara Gasparri, Simone Perna, Vittoria Infantino, Antonella Riva, Giovanna Petrangolini, and Gabriella Peroni. “An Update on Magnesium and Bone Health.” Biometals: An International Journal on the Role of Metal Ions in Biology, Biochemistry, and Medicine, May 6, 2021. https://doi.org/10.1007/s10534-021-00305-0.

 

[1] Carpenter, Thomas O., Maria C. DeLucia, Jane Hongyuan Zhang, Gina Bejnerowicz, Lisa Tartamella, James Dziura, Kitt Falk Petersen, Douglas Befroy, and Dorothy Cohen. “A Randomized Controlled Study of Effects of Dietary Magnesium Oxide Supplementation on Bone Mineral Content in Healthy Girls.” The Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism 91, no. 12 (December 2006): 4866–72. https://doi.org/10.1210/jc.2006-1391.

 

[1] Aydin, Hasan, Oğuzhan Deyneli, Dilek Yavuz, Hülya Gözü, Nilgün Mutlu, Işik Kaygusuz, and Sema Akalin. Biological Trace Element Research 133, no. 2 (February 2010): 136–43. https://doi.org/10.1007/s12011-009-8416-8.

 

[1] O’Connor, J. Patrick, Deboleena Kanjilal, Marc Teitelbaum, Sheldon S. Lin, and Jessica A. Cottrell. “Zinc as a Therapeutic Agent in Bone Regeneration.” Materials (Basel, Switzerland) 13, no. 10 (May 12, 2020). https://doi.org/10.3390/ma13102211.

 

[1] King, J. C., D. M. Shames, and L. R. Woodhouse. “Zinc Homeostasis in Humans.” The Journal of Nutrition 130, no. 5S Suppl (May 2000): 1360S-6S. https://doi.org/10.1093/jn/130.5.1360S.

 

[1] Nielsen, Forrest H., Henry C. Lukaski, LuAnn K. Johnson, and Z. K. Fariba Roughead. “Reported Zinc, but Not Copper, Intakes Influence Whole-Body Bone Density, Mineral Content and T Score Responses to Zinc and Copper Supplementation in Healthy Postmenopausal Women.” The British Journal of Nutrition 106, no. 12 (December 2011): 1872–79. https://doi.org/10.1017/S0007114511002352.

 

[1][1] Yamaguchi, Masayoshi.  Molecular and Cellular Biochemistry 338, no. 1–2 (May 2010): 241–54. https://doi.org/10.1007/s11010-009-0358-0.

 

[1] Alghadir, Ahmad H., Sami A. Gabr, Einas S. Al-Eisa, and Muaz H. Alghadir. “Correlation between Bone Mineral Density and Serum Trace Elements in Response to Supervised Aerobic Training in Older Adults.” Clinical Interventions in Aging 11 (2016): 265–73. https://doi.org/10.2147/CIA.S100566.

 

[1] Rył, Aleksandra, Tomasz Miazgowski, Aleksandra Szylińska, Agnieszka Turoń-Skrzypińska, Alina Jurewicz, Andrzej Bohatyrewicz, and Iwona Rotter. “Bone Health in Aging Men: Does Zinc and Cuprum Level Matter?” Biomolecules 11, no. 2 (February 8, 2021). https://doi.org/10.3390/biom11020237.

 

[1] Pepa, Giuseppe Della, and Maria Luisa Brandi. “Microelements for Bone Boost: The Last but Not the Least.” Clinical Cases in Mineral and Bone Metabolism 13, no. 3 (2016): 181–85. https://doi.org/10.11138/ccmbm/2016.13.3.181.

 

[1] Aghajanian, Patrick, Susan Hall, Montri D. Wongworawat, and Subburaman Mohan. “The Roles and Mechanisms of Actions of Vitamin C in Bone: New Developments.” Journal of Bone and Mineral Research: The Official Journal of the American Society for Bone and Mineral Research 30, no. 11 (November 2015): 1945–55. https://doi.org/10.1002/jbmr.2709.

 

[1] Palacios, Cristina. “The Role of Nutrients in Bone Health, from A to Z.” Critical Reviews in Food Science and Nutrition 46, no. 8 (2006): 621–28. https://doi.org/10.1080/10408390500466174.

 

[1] Rondanelli, Mariangela, Milena Anna Faliva, Gabriella Peroni, Vittoria Infantino, Clara Gasparri, Giancarlo Iannello, Simone Perna, Antonella Riva, Giovanna Petrangolini, and Alice Tartara. “Essentiality of Manganese for Bone Health: An Overview and Update.” Natural Product Communications 16, no. 5 (May 1, 2021): 1934578X211016649. https://doi.org/10.1177/1934578X211016649.